13 ottobre 2016

La morte del brigante buono



Gli inquirenti non possono chiedere a Fausto Di Marco qual è la sua versione dei fatti. Quando la vittima muore non ha più voce. Nessuno ha mai potuto conoscere la versione di Simone Daita, deceduto dopo un anno di coma e di silenzio. Così gli assassini possono facilmente costruirsi una verità di comodo ed ecco che persone assolutamente pacifiche sarebbero improvvisamente diventate moleste e irascibili,  e chissà perché questo sarebbe accaduto proprio negli istanti che hanno preceduto la loro fine.




Dicono che Simone, il giornalista, ingiuriava e tirava pugni, e che Fausto, il musicista, lanciava bicchieri contro le ragazze. Ma chi lo dice?

Per quest'ultimo recentissimo caso alcuni pezzi della verità di comodo si stanno già smontando. Dai giornali di oggi apprendiamo che il musicista non è morto durante una colluttazione a terra. La prima versione raccontata da quella che era l'unica testimone non corrispondeva a verità. Non era vero che l'aggressore agì per difendere la donna molestata. Ora i testimoni sono tre e raccontano di un diverbio per futilissimi motivi: un cane che non avrebbe dovuto mangiare una patatina, un gesto sconsiderato e uno scatto d'ira da parte di chi si vedeva incapace di affrontare una discussione e tantomeno di battersi in una scazzottata, perciò s'è fatto un arma micidiale con una bottiglia rotta e s'è avventato con estrema violenza contro l'altro che ovviamente era disarmato e impreparato a tanta follia.

Omicidio volontario, feroce, pensato ed eseguito in una sequenza di pochi istanti. Poi la fuga, i vetri rimossi, il tavolino riportato all'interno del locale, i presenti che dicono di non aver visto nulla. All'orrore del delitto si aggiunge un castello di meschinità che alcuni vorrebbero ricondurre nell'ambito della normalità e della fatalità. Abbiamo sentito perfino un avvocato dichiarare alla stampa che "la vicenda possa sufficientemente essere controllata in un ambiente domestico" (sic).

Questa normalità mi disgusta profondamente.

Nessun commento: