06 giugno 2008

Avvistamento UFO alla Trinità


La foto mostra una veduta attuale della piazzetta della Trinità. Non è molto cambiata rispetto al post del 2006. L'edicola, che potrebbe trovare un posto più adeguato sul marciapiede accanto al bar Sigismondi, è ancora lì, al centro della scena, tra cartelli e bidoni. Il parcheggio dei motocicli è ormai definitivamente destinato alle vetture. Pare che le due ruote a Chieti siano considerate oggetti extracomunitari perciò alle zone di sosta per ciclomotori si applicano i nuovi decreti di sfratto dei campi rom.

A parte i ponteggi che nascondono la Chiesa, l'unica vera novità è l'UFO azzurro elettrico atterrato proprio davanti al cancello del Museo delle Scienze. Non ho avuto il coraggio di avvicinarmi per timore di qualche incontro ravvicinato dell'ultimo tipo. Anche se probabilmente là, nel punto più centrale della città, non c'è mai stato nessun tipo (né ultimo, né primo) che abbia osato utilizzarlo. Se qualcuno ci proverà e, col caldo che sta arrivando, ne uscirà fortunosamente vivo, boccheggiante e stravolto dalla claustrofobia, potremo scattare la prima foto autentica di un essere umano appena sfuggito ad esperimenti alieni. Sai quanti turisti!

Qualcuno dice che la posizione del misterioso oggetto potrebbe essere funzionale all'immediato ricovero della malacapitata cavia umana direttamente all'interno del Museo delle Scienze, tra ominidi e mummie. Per l'occasione ci sarà anche Alberto Angela e una troupe della BBC a girare un documentario. Sai che pubblicità!



Chi non vuol credere ai fenomeni extraterrestri sostiene (e il filmato riproposto qui sopra ne sarebbe la prova) che a sistemare l'indicibile "coso" con tanta geometrica precisione proprio davanti alla targa del Museo delle Scienze sia stato proprio lui. Certo! Ormai non ha più bisogno di truffare i gestori di bar e ristoranti, infatti è stato assunto come vero tecnico comunale e lavora con la sua consueta precisione e autorità. E dove poteva metterla questa moderna evoluzione plastificata dell'invenzione che rende omaggio al grande imperatore romano? poveva nasconderla sotto le scalette o tra le fratte della Villa? ma vogliamo scherzare? meglio collocarla in mezzo alla piazza, davanti all'ingresso principale del nuovo Museo, in modo che tutti i passanti possano fargli tanto di cappello. Un Totò tecnicamente profetico, ahinoi!

5 commenti:

enio ha detto...

Ridiamoci su, anche se a Chieti non ci resta che piangere. Si avvicina l'estate, si dovrebbero "catturare" i turisti e noi abbiamo ancora le piazze più belle della città in questo stato "comatoso"?

Anonimo ha detto...

Ragazzo..ti scandalizi ancora dopo tre anni di gesione comunale in mano a queste persone...ti scandalizzi oggi..per così poco...Solo perchè hanno reso pubblico lo specchio del loro operato da quando si sono insediati a palazzo d'achille?...bha..che dire...mmmm...ti sei svegliato anche tu dal letargo!!!

Meglio tardi che mai!!


- 66100 -

Tom P. ha detto...

@ 66100

mi scandalizzo? dài, non esageriamo: ho solo usato un po' d'ironia per criticare una scelta che mi sembra sbagliata. Che qualcuno si sia preoccupato di mettere quel 'coso', visto che ormai sono inaccessibili tutti i servizi igienici che necessitano di custode, non è per niente scandaloso. Chi ha deciso di andarlo a mettere lì non lo so.

Non sei un lettore nuovo quindi avrai visto che nel blog faccio sempre le mie critiche alle scelte che mi sembrano sbagliate. Ho cominciato a farlo fin dai primi post sulle buche non richiuse e le bancarelle messe di traverso sulla strada. Critico le scelte e non attacco mai le persone perché fin da bambino al catechismo mi hanno insegnato a non confondere i peccati con i peccatori.

Dove non si trattava di semplice esercizio di una discrezionalità la mia critica è arrivata fino chiedere le dimissioni dei responsabili (per esempio qui ) ma forse non te ne sei neanche accorto. Ciò che è detto con pacatezza e senza livore probabilmente non rientra nelle tue considerazioni.

Se per svegliarsi intendi gli occhi aperti sui problemi allora sono sempre stato sveglio e puoi verificarlo anche da te. Se invece svegliarsi significa inveire contro il palazzo, stai tranquillo che non lo faccio e non lo farò, come non l'ho fatto neanche quando qualcuno sfrattava da Chieti l'Università, riapriva al traffico le zone pedonali o generava gli inutili contenziosi giudiziari che dobbiamo ancora pagare. Non è il mio stile, cerca di tollerare se puoi.

nonnoenio ha detto...

@tom

alla Villa ho visto spesso alcuni nonni utilizzare la "fratta", si vede che in Piazza della Trinità, visto la maniera indecorosa in cui è lasciata ormai da anni, avendo paura che potessero utilizzare lo stesso sistema hanno messo l'astronave UFO. Altrimenti a Chieti, come del resto in tutte le altre città è in voga pagare una novantina di centesimi ( un caffè ) per una pisciatina e se uno soffre di prostata ( sopra i 50 anni tutti )invece dei 90 cent. te la puoi cavare con un paio di euro... ecco perchè i pensionati non arrivano a fine mese !

nonnoenio ha detto...

stasera sono stato in centro per la settimana mozartiana e ho scoperto con mia grande sorpresa che l"UFO" in piazza della Trinità è scomparso, chi ce lo aveva messo deve essersi vergognato come un "ladro" e lo ha fatto togliere. Ho scoperto che a Chieti uno che sa ascoltare e con un pò di sale in zucca c'è!