01 novembre 2006

Usare il computer alla villa

Mi sembra molto bella la proposta che ho trovato sul blog de "il Teatino" di dotare la Villa Comunale di un sistema Wireless come quello di Villa Borghese a Roma.

La villa potrebbe ridiventare così luogo di incontro, di studio e di lavoro.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Hai fatto bene e hai citato la fonte quindi ineccepibile, mi fa piacere che quello che partorisce la mia mente forse troppo autarchica venga recepito da qualcuno e divulgato.
Se mi darai il tuo consenso ti linkerò sul mio blog, appena mi darai conferma.
Ti saluto e di Auguro buon lavoro.
Cos'altro se non Teatino !!! ;-)
Il Teatino

nonnoenio ha detto...

La fonte che hai citato ha fatto una proposta validissima per la città di Chieti, ma devi sapere che la proposta fatta, ormai, in moltissime città italiane è la normalità, il WIFI, oggigiorno, è attivo all'interno delle università o nelle zone limitrofe, nelle biblioteche comunali ( ti cito solo l'esempio di TN, dove ho il piacere e l'onere di gestire il tutto insieme a altri pensionati come me che mettono a disposizione tempo e ardore nella creazione di questi siti privilegiati dove giornalmente, dalle 8 alle 20 si collegano mediamente cento, cento cinquanta ragazzi tutti dotati di Pc portatile )e nei punti come ricordato dal "il teatino" dove il verde regna sovrano, cioè i parchi. Non è insolito vedere davanti al monumento di DE GASPERI, ragazzi e non collegati ad Internet con le loro belle cuffiette e magari WebCam tranquillamente navigare o cahattare. A Chieti questo è certamente fattibile ma necessiterebbe anche di una amministrazione che invogliasse e sopratutto incoraggiasse il tutto e magari coinvolgesse l'ITIS e i sui ragazzi iscritti a Informatica a collaborare, ne verrebbe fuori un arricchimento per tutti. Lo so che è un'utopia, ma niente e nessuno ci vieta di sognare. Per adesso tenetevi caro l'unico punto Internet,( Per IL Corso )anche se a pagamento, che si può trovare in città.

Anonimo ha detto...

good start