26 ottobre 2006

Pericoli al Tricalle



Lungo la discesa del Tricalle (via dei Marsi) c'è l'innesto della trafficatissima "intercollinare", un punto estremamente pericoloso, ma basterebbe imporre il senso unico per creare un innesto regolare ed evitare molti incidenti.

La discesa, molto trafficata in entrambi i sensi, si incrocia anche con via dei Volsci e via dei Sabini, ma all'altezza della rampa d'accesso e di uscita dell'intercollinare si può assistere ad una scena da vecchio cartone animato (Bibip e Vil cojote) : se riesci a passare senza scontrarti con altre macchine non sai come hai fatto.

Se la via fosse percorribile solo in discesa, deviando tutto il traffico in salita verso la più comoda via dei Peligni (la strada del Palasport), nell'incrocio si potrebbe realizzare una canalizzazione, separando la rampa d'accesso da quella d'uscita. Così si eviterebbe sia l'assurdità di questo incrocio, sia le difficoltà al termine della salita dove per immettersi nella rotatoria occore una manovra "da salto con l'asta".

Ora nell'incrocio (larghissimo e non canalizzato) le auto arrivano in doppia o tripla fila alla linea dello stop, non trovano mai la strada libera a causa del traffico sempre intenso e la cosa più spaventosa è che nel mezzo dell'incrocio c'è un lunghissimo attraversamento pedonale che sembra un'istigazione al suicidio!
_

1 commento:

FR:D ha detto...

é il piano traffico attuale di Chieti che fa schifo..in questo periodo che si prevederà lungo rimarrà bloccata tutta la via che collega le terme romane a piazza matteotti..senza pensare allo stravolgimento dei flussi di marcia che ci troviamo ormai da due anni nel centro di chieti (discesa alla trinità,incrocio del teatro romano)..
il precedente era quasi perfetto, fatto per diramazioni.C'erano solamente troppe rotatorie inutili e piazza Matteotti che funzionava malissimo con un doppio senso all'ingresso..unica cosa risolta con questo nuovo piano traffico,tutto danneggiato il resto