28 ottobre 2006

Parco della Desolazione

L'apertura del grande centro commerciale Megalò era legata alla realizzazione di un Parco Fluviale (un'adeguata descrizione la trovate qui), ma in tempi più recenti s'è parlato anche della possibilità di realizzare un parco della Colonnetta, cioè nella parte bassa della collina.

Proposte sicuramente ben gradite, la vita in città trarrebbe un gran beneficio dall'aumento di zone a verde pubblico, credo però che molti tendono a dimenticare un parco che esiste già e si trova in una zona centrale della città: subito a valle della Civitella. Potrebbe essere il Parco del Belvedere perché gode dello stesso magnifico panorama della Majella e della Val Pescara. E' un Parco già attrezzato, con vialetti pavimentati, staccionate, panchine di pietra e illuminazione pubblica. Passando attraverso il parco si può arrivare a piedi in pochi minuti dal belvedere della Civitella al Theate Center.

Purtroppo però gli accessi al parco sono chiusi da anni e all'interno, in mezzo alla rigogliosa vegetazione c'è il desolante spettacolo lasciato dal vandalismo: i lampioni sono tutti rotti, distrutti in modo sistematico, panchine e contenitori per rifiuti sono stati divelti e rovesciati, tombini aperti, sporcizia.


Se questo è il modo con cui la nostra città fa uso del verde pubblico...

2 commenti:

ChietinoGiova ha detto...

Ci sono tanti luoghi di Chieti che mi riporti alla vista!E questo è proprio sotto casa mia, ormai mimetizzato in quella che assomiglia ad una giungla. Concordo nella valorizzazione del parcho della (purtroppo) desolazione!Ma se scrivo una lettera a Ricci non succede nulla vero?

Tom P. ha detto...

Una lettera al sindaco? forse sarebbe meglio una petizione, cioè una lettera con una richiesta precisa seguita da molte firme. Nella mia zona l'abbiamo fatta per un problema di segnaletica stradale. E' passato un po' di tempo ma poi abbiamo ottenuto. Certo, la manutenzione di un parco richiede ben altri costi, ma non bisogna essere troppo pessimisti.
saluti