02 maggio 2015

Cos'è il 25 aprile


Ormai ci siamo abituati, non fa notizia, ogni anno alla ricorrenza del 25 aprile compaiono strani manifesti che dovrebbero ricordarci il significato della Festa della Liberazione, quel giorno del 1945 in cui le ultime città italiane del nord furono liberate dalla tirannia nazi-fascista. A Milano sfilarono i comandanti dei gruppi partigiani.
Chieti sembra ignorare tutto. Ogni anno compaiono manifesti con strani esercizi di omertosa retorica. Sembrano i compitini scritti da alunni che non hanno studiato. Non sapendo cosa scrivere nel tema ci mettono parole vaghe, concetti generici che vanno sempre bene, per ogni occasione. Fanno ridere, ma fanno anche piangere perché sappiamo che gli autori di questi manifesti non sono scolaretti ignoranti, sanno benissimo cos'è il 25 aprile e da cosa siamo stati liberati. Non vogliono dirlo, perchè a dirlo dovrebbero rinnegare una parte di se stessi che probabilmente non gioisce della LIBERTA', della GIUSTIZIA e della TOLLERANZA, preferiscono lasciare nel vago il richiamo alla RESISTENZA per non urtare i loro amici che quella resistenza non l'hanno mai potuta digerire e sono ancora oggi impegnati a demolire le logiche e gli equilibri della DEMOCRAZIA.

Nessun commento: