29 ottobre 2013

Strappo costituzionale, il senato approva

Il Senato ha dato il via alla riforma della Costituzione affidata alla commissione dei 42 saggi, quelli che si sono riuniti a Francavilla al Mare in una discussione alla quale non hanno potuto assistere neanche i parlamentari. 
La manifestazione a Roma di sabato 12 ottobre aveva cercato di impedire questo pericoloso strappo alle regole. Non è questa la proceduta prevista dall'art. 138 per le modifiche della Costituzione.
Cosa ha fatto il PD? Erano 106 i senatori presenti e in 101 hanno votato a favore. Dev'essere essere un numero magico, scrive Sergio Di Cori Modigliani sul suo blog:

In teoria non ci sarebbe niente di male nè alcuna sorpresa. Il fatto è che gran parte di questi senatori hanno - in diverse e svariate occasioni - partecipato a manifestazioni, convegni, seminari, interviste, comizi, nel corso dei quali si schieravano apertamente contro ogni tentativo di revisione della Costituzione ed è stata la loro piattaforma di base elettorale.  
Alcuni, approfittando della narcolessia degli italiani, dopo aver votato a favore in aula, hanno rilasciato interviste in radio e siti locali nei loro rispettivi territori, spiegando perchè sono contrari alla scelta imposta da Napolitano, facendo credere ai propri lettori e ascoltatori di (non) aver votato a favore. 
Tra i favorevoli anche Laura Puppato e Stefania Pezzopane. Gli altri nomi li potete leggere sul blog di

Nessun commento: