01 gennaio 2012

Il capodanno di Lusy


Voi umani scrivete lettere a Babbo Natale, noi cani non lo conosciamo, però sappiamo che in questi giorni di luci accese sugli alberi e sui balconi arriva sempre qualcosa di brutto, spaventoso, terribile. Quello che voi umani chiamate "capodanno".

Per me che sono una cagnolina la paura è cominciata dai primi botti prima di Natale.
Ieri sono diventati più frequenti e nel pomeriggio tremavo di paura, mi sono rifiutata di fare la solita passeggiata. Alle nove di sera ero quasi impazzita, cercavo rifugio sotto le poltrone, ma i botti arrivano anche lì e cercavo di scavare buche nel pavimento e nei tappeti con la padrona che mi sgridava. E i botti erano sempre di più e sempre più forti. A mezzanotte sembrava arrivata la fine del mondo e l'ho fatta sul pavimento per la troppa paura.

A cosa servono i botti? perché spararli durante tutta la giornata e anche oggi continuo a sentirli. I miei padroni non ci badano, ma io ho continuato a tremare e anche stasera ho avuto paura di uscire.

La padrona mi ha detto che qualcuno, un politico di Chieti, aveva pensato anche a noi animali e voleva regalarci il divieto di sparare botti inutili per capodanno. Era un regalo che non costava niente, anzi avrebbe fatto risparmiare, ma il sindaco di Chieti non ha voluto farlo. E' stato un altro capodanno di terrore.

Io sento anche i botti lontani e vorrei che tutti i sindaci di tutti i comuni facessero questo regalo agli animali.

Buon anno, ma non solo per voi.

6 commenti:

Anna ha detto...

Ciao, sono Anna del blog "Un paese che ancora non c'è" e voglio prima di tutto ringraziarti per il commento che hai lasciato sul mio blog e farti i complimenti per la sensibilità che possiedi nel descrivere, attraverso il capodanno di Lusy, il capodanno di tante povere bestiole che i botti li hanno solo subiti.
Ciao Tom e Buon Anno!!!

Erri ha detto...

Qui in Germania si possono acquistare i botti solo un paio di giorni prima del 31 dicembre ed è vietato usarli prima di quella data. Molti sindaci li hanno vietati nei centri storici per evitare il pericolo di incendi poiché molte case, costruite nel Medioevo, sono di legno.
Ma, mi dispiace per Lucy, a nessuno verrebbe in mente di vietarli del tutto. Voi pensate che i botti siano inutili e superflui? Anche festeggiare è superfluo, forse anche la vita: allora vietiamola!
Buon 2012
Enrico

nonno enio ha detto...

e si è proprio il caso di dire che sfortune di essere cani!

Tom P. ha detto...

@ Anna
grazie dei complimenti e ricambio gli auguri.

@ Erri
a nessuno verrebbe in mente? credo che siamo in molti ad averlo in mente da tanto tempo e a pensare che non è quello il modo di festeggiare. Finora nessuno aveva trasformato questo disagio in proposta, adesso molti lo stanno facendo. Non si tratta di far finta che i botti vanno bene a tutti, si tratta piuttosto di capire se per gli altri è un fastidio sopportabile, da controllare un po' ma senza immaginare di poterlo mettere al bando, oppure se ci sono aspetti di vera dannosità per cui diventa necessario avviare campagne come quelle che si sono fatte per le sigarette.

Erri ha detto...

@ Tom.

Mi sono espresso in modo poco preciso. Con "A nessuno verrebbe in mente" intendevo dire "a nessun sindaco tedesco verrebbe in mente". E non perché i tedeschi siano anti-animalisti - i diritti e la protezione degli animali sono iscritti nella costituzione!- bensì perché i botti si possono sparare "privatamente" solo una volta all'anno, come ho già detto in precedenza. E una volta all'anno i botti li possono sopportare tutti: cani gatti, anziani e malati di cuore. il problema in Italia è come al solito l'esagerazione: si vuole strafare usando magari botti illegali o cominciando a spararli già il primo dicembre. Si potrebbe quindi proporre una legge che vieta l'uso dei botti tutti i giorni fuorché il 31 dicembre oppure la notte tra il 31 dic e il 1° gennaio, che che ne limiti la vendita ai giorni immediatamente precedenti. Regolamentare senza ricorrere a battaglie ideologiche o alla protezione degli animali.
Ma tu il Capodanno come lo festeggeresti? Sai perché si sparano i botti o si lanciano piatti e pendole o altri oggetti dalle finestre, cioè si fa baccano?

Tom P. ha detto...

La soluzione tedesca mi sembra un ottimo compromesso. Magari ci si potsse orientare così anche da noi.

In effetti avevo equivocato e mi era sembrato di capire che stavi difendendo l'illimitato dovere di sopportazione che ci impone il malcostume italiano. Però le cose cambiano. Prima si buttavano le cose vecchie dalla finestra e sembrava anche quella un'usanza tradizionale che non si poteva mettere in discussione, ora per fortuna, nn accade più. Voglio mantenere un po' di fiducia nella possibilità di miglioramenti.