16 febbraio 2011

Un assaggio di marciapiede

Si chiama via Tirino, è la strada che va dalla via Tiburtina al Megalò. Non ci sono servizi urbani che collegano Chieti al più grande centro commerciale della zona. Molti ci vanno a piedi  Non è male camminare  un po'. Molti giovani passano là anche di sera per raggiungere l'unico cinema della città o incontrarsi con gli amici.


Gli incroci con le rampe di accesso all'asse attrezzato sono stati risistemati di recente. Adesso ci sono grandi rotatorie (forse troppo grandi) e qualche palo di illuminazione che prima non c'era. Hanno costruito anche i marciapiedi.


Però i pedoni sono costretti ad attraversare le rotatorie senza riparo e senza strisce. Nel tratto finale il marciapiede sparisce completamente.


Perché costruire solo un tratto di marciapiedee lasciare il resto peggio di prima, visto che le isole e le rotatorie hanno ridotto lo spazio carrabile?

1 commento:

Anonimo ha detto...

Giusta osservazione...Chissà l'assessore Colantonio cosà starà pensando?

Forse che tutti vanno in Macchina...ed allora chi è costretto ad andare a piedi?

Si arrangia...ma deve anche raccomandarsi AL PADRETERNO che non lo INVESTONO.

Per piacere assessore VUOI PROVVEDERE?

Luciano Pellegrini